venerdì 27 gennaio 2012

Venerdí ...in cui brindare: Agua de Valencia per voi!


Un brindisi alla paura, finché rimane tale. Un brindisi ai preparativi del mio weekend fuori porta, flamenco e filoispanico come da copione. Para arriba, para abajo, para el centro y para adentro, come a suo tempo m'insegnarono in Andalucía. Sono qui, incastrata tra notizie di tendenze opposte. Sottofondo di una gatta testarda che cerca in ogni modo di infilarsi sotto al letto. E, per avere un quadro approssimativo della situazione, dovreste sapere che, sotto al mio letto, ce n'é un altro. Di quelli estraibili. Una coperta su di esso adagiata le rende l'accesso , francamente , impossibile. Eppure, niente. Lei continua imperterrita da ormai piú di mezz'ora, arrivando a spostare il tappeto, una sedia e due scarpiere ikea con la sola forza della sua determinazione. Se devo essere sincera, mi spaventa persino. Il terremoto, lei, mi sa che l'ha sentito davvero. E parlo di quello che oggi ha scosso il Nord Italia. Epicentro: la zona in cui studiavo. La terra in cui molti tra i miei amici vivono. Da lí, tutta la mia preoccupazione. All'altra sponda del suo fiume, la prospettiva vicentina dell'inaugurazione di un tablao. Papille gustative che pregustano il Tio Pepe. Nessun danno a cose e persone. Per questo,- Cin Cin!- oggi é il caso di bere.

Il cocktail di cui parlo, chiaramente Made in Spain, da noi lo conoscono in pochi. Si chiama Agua de Valencia, ed ha un sapore cosí buono e fruttato che é impossibile non trangugiarlo di gusto. Da lí, il fatto che l'alcol non tardi a far sentire i suoi effetti. E, come ovvia conseguenza, il mio consiglio di moderazione. Sí, insomma, é tosto. Quindi andateci piano.



Ecco la ricetta.


Agua de Valencia. (Ingredienti per 1 litro)

1 litro di succo di arancia.
1 bicchiere tipo "chupito" di cointreu (ma potete usare anche la vodka, se non volete che sia troppo dolce)
1 bottiglia di spumante o vino bianco simile allo spumante
Zucchero a gusto (anche qui, dipende se volete che il cocktail venga molto dolce o no).

Versate in una caraffa il vino e il cointreu (o la vodka). Aggiungete il succo di arancia. Due o tre cucchiaiate di zucchero. Mescolate bene.

E siete pronti a servire!

2 commenti:

  1. deve essere un sogno quest'acqua!:-) e dato i climi di questi giorni...mi sà che lo proverò!
    cin-cin Kit!
    ps.ma poi la gatta non è che se l'era già bevuto?:-))

    RispondiElimina
  2. buahahahahah! In effetti puó essere :D

    RispondiElimina